17/03/2022 - 12:59

EVENTO “PROGETTAZIONE DI PERCORSI DI IVC DELLE COMPETENZE ACQUISITE – TEORIA E PRATICA”

L'8 e il 9 marzo 2022, noi di Skills abbiamo partecipato a un interessante evento formativo, organizzato da ForAgri: il seminario, destinato agli operatori del settore, ha visto, da un lato, la relazione e l’approfondimento sull’Avviso 1/2022 e l’introduzione metodologica del percorso di IVC, dall’altro, la suddivisione in gruppi, per lavorare sulle tematiche promosse durante l’incontro

L'EVENTO

L’evento, organizzato dal Fondo Interprofessionale ForAgri per i progettisti e i coordinatori didattici degli enti attuatori ad esso accreditati, si è tenuto a Roma, presso il Best Western Premier Hotel Royal Santina nelle giornate dell’8 e 9 marzo, ed è stato prioritariamente dedicato al tema “Progettazione di percorsi di individuazione – validazione – certificazione delle competenze".

La prima giornata di lavoro, a seguito di un focus di approfondimento in relazione all’avviso 1/2022 (di prossima pubblicazione) realizzato dal Direttore del Fondo, Roberto Bianchi, ha visto un’introduzione generale all’importanza del riconoscimento e dei processi di messa in trasparenza delle competenze nell’ambito del PNRR e del programma GOL, da parte del Presidente, Stefano Bianchi; è seguito un approfondimento metodologico del percorso di Individuazione – Validazione e Certificazione (IVC) delle competenze, con l’esposizione dei punti nodali e delle principali previsioni normative, da parte della Prof.ssa Daniela Robasto, dell’Università degli Studi di Torino, consulente docimologa del Fondo.

A metà mattinata si sono poi suddivisi i partecipanti (circa 80 in presenza e molti altri collegati da remoto), in 4 gruppi operativi, allo scopo di mettere in pratica, sulla base di diverse consegne operative, il processo di definizione degli obiettivi di specifici di apprendimento di un dato progetto formativo, nell’ambito di un processo di individuazione di competenze standard prese a riferimento all’interno dell’Atlante del Lavoro di Inapp.

Nel pomeriggio i lavori sono stati incentrati sulla definizione delle prove di valutazione, con specifico riferimento ai descrittori dell’apprendimento, agli strumenti valutativi, agli item di valutazione e ai ruoli della commissione di valutazione, relativi agli obiettivi specifici di apprendimento, così come definiti nella mattinata di lavoro.

La seconda giornata di lavoro, invece, è stata dedicata ad un’attività di role play finalizzata all’attività di messa in trasparenza delle competenze possedute da un destinatario della formazione, volta alla definizione della micro-progettazione formativa.

A seguito della totalità delle esercitazioni si è sempre avuto un feedback da parte degli osservatori del Fondo, volto a realizzare un debriefing di analisi delle maggiori criticità riscontrate.

Gli organizzatori hanno proceduto poi ad illustrare il primo caso in assoluto di ottenimento, da parte dei destinatari di un piano formativo di formazione continua, di una intera qualifica professionale, equivalente pertanto a titolo di studio con valore di parte terza.

Infine, ci è stata presentata la nuova piattaforma del Fondo “ForAgri-Certificazioni”, sulla quale tutti gli enti attuatori saranno chiamati a caricare le attestazioni di competenze rilasciate ai destinatari dei piani formativi da essi gestiti, al fine da favorire la riconoscibilità e la spendibilità delle competenze, per la possibilità di ricerca (nel pieno rispetto delle norme sulla privacy), anche da parte di soggetti esterni, di lavoratori e/o aziende in possesso di un determinato know how.

Foragri

IL CONTRIBUTO DI SKILLS

Noi di Skills abbiamo attivamente partecipato all’evento attraverso la presenza di due nostre risorse, rispettivamente dell’area acquisition e delivery formazione.L’evento ha contribuito a chiarire ulteriormente alcuni aspetti tecnici e a confermare la buona strada intrapresa rispetto ai processi che portano i partecipanti dei nostri piani a conseguire attestazioni trasparenti e spendibili.Lo sforzo continuativo realizzato negli ultimi anni, la formazione e l’aggiornamento continuo in materia di IVC da parte dei nostri collaboratori, con l’assidua partecipazione a eventi come quello promosso da ForAgri, ma anche la realizzazione di veri e propri percorsi formativi, ci hanno portato ad essere padroni della materia, nonché promotori e sostenitori di iniziative, come quelle attuate da ForAgri.

L’auspicio comune è che, nel medio periodo, si potrà arrivare ad avere una formazione continua, in contesto lavorativo, realmente complementare a quella formale, che porti al conseguimento, da parte dei lavoratori formati, di titoli di studio veri e propri. Occorre un grande sforzo in tal senso, anche e soprattutto da parte delle Istituzioni pubbliche titolari in materia, in primis le Regioni. Noi siamo pronti a fare la nostra parte.